FIUME FUTURO: Azioni di giovani per conoscere e tutelare il Po e le sue terre

Il progetto dedicato allo sviluppo della coscienza ambientale, nel rapporto tra giovani ed ecosistemi fluviali, sarà protagonista di un nostro numero speciale. Il racconto di Silvia Crema, ideatrice del progetto, ci porta alla scoperta della genesi e dei risultati di Fiume Futuro.

“Mi sono sentito…a casa”. Con questa frase, detta teneramente da un piccolo esploratore del fiume Po, si può intuire il grande impatto che può avere un progetto didattico-educativo di conoscenza del territorio e cittadinanza attiva, come Fiume Futuro, nel legare le nuove generazioni al proprio territorio, per poterlo valorizzare e tutelare.

Anche Pianeta Azzurro ha partecipato ad un’intera giornata con Fiume Futuro e questa diventerà una parte dello speciale che stiamo preparando e che dedicheremo interamente al progetto. Su Instagram potete recuperare le storie dedicate e rimanere aggiornati sugli sviluppi del progetto e del reportage che gli dedicheremo!

Fiume Futuro – Azioni di giovani per conoscere e tutelare le sue terre” è un progetto ideato da Silvia Crema (Naturalista specializzata in Ecologia e Conservazione della Natura, Agrotecnico Laureato e Guida Ambientale Escursionistica. Consegue un master in Educazione Ambientale e Sviluppo Sostenibile parlando di Outdoor Education) e realizzato dalla Rete WEEC Italia e finanziato dal Fondazione Cariplo, svolto con il Comprensivo del Comune di Gonzaga (MN).

Quindici classi coinvolte tra scuola Primaria e Secondaria di 1° grado, circa 320 alunni/e ovvero la metà dei giovani di età compresa fra i 6 e i 12 anni dell’intero Comune, nonché 35 insegnanti coinvolti da una formazione di 4 incontri di 3 ore ciascuno. La parte formativa del progetto rivolta ai docenti si è svolta tra dicembre 2021 ed aprile 2022, la parte didattica è iniziata a marzo 2022 e si è conclusa a settembre di quest’anno. Gli incontri con le classi sono stati ben quattro per ognuna di loro, divisi tra laboratori svolti in classe e in uscita sul territorio, sul fiume Po, proprio dove questo divide le province di Mantova e Reggio Emilia nonché le due regioni di appartenenza.

Fiume Futuro era nato con l’obiettivo di far conoscere ai più giovani il valore di alcuni aspetti paesaggistici ed ambientali del territorio ed imparare a conoscerne le criticità, per agire nel risolverle insieme, come parte attiva di una comunità.

Alla conclusione del progetto abbiamo scoperto che non solo questo obiettivo era stato raggiunto attraverso un forte impatto emozionale di ogni attività svolta ma che le vicende di questo progetto avevano avuto risonanza tra le famiglie, anche di alunni non coinvolti direttamente dal progetto stesso.

Grazie alle uscite a piedi sul territorio comunale le classi hanno potuto conoscere e prendersi cura di zone “di casa” ad alcuni sconosciute nonostante si parli di un comune di circa 10 000 abitanti, relativamente piccolo per la Bassa Pianura Padana. Il riscontro avuto è stato ottimo riguardo alla rivalorizzazione di alcune aree verdi. Alcuni alunni hanno voluto tornare negli stessi luoghi con amici e con la famiglia, ridando vita a zone poco considerate. Travolgente è stata invece l’esperienza sul Fiume Po, vissuto attraverso la navigazione con piccole imbarcazioni e passeggiate sui cosiddetti “sabbioni” e la golena del Grande Fiume.

Il focus non è stato su aspetti naturalistici, comunque trattati, bensì sull’aspetto emozionale dell’esperienza, resa ancora più forte dal periodo di restrizioni vissute nelle realtà scolastiche negli ultimi due anni. Alcuni alunni non erano mai stati su una barca, altri non avevano mai toccato la sabbia, la maggior parte dei partecipanti non era mai stato nel luogo oggetto di escursione nonostante si trattasse di un comune limitrofo al Comune della scuola. Riappropriarsi con affetto ed in modo sostenibile del territorio di casa è sicuramente un passo importante per la valorizzazione e la tutela ambientale che il futuro ci chiede e Fiume Futuro ha voluto contribuire a questo, partendo dalla crescita di una comunità intera.

 

  • Silvia Crema

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.