Il clima dell’educazione ambientale

Anche l’educazione ambientale ha sofferto perdita di posti di lavoro e bilanci in rosso. Notevole però anche la creatività e la voglia di resistere, in vista di una ripartenza che dovrà avvenire alla luce degli insegnamenti della pandemia (o sindemia)….

Anche l’educazione ambientale ha sofferto perdita di posti di lavoro e bilanci in rosso. Notevole però anche la creatività e la voglia di resistere, in vista di una ripartenza che dovrà avvenire alla luce degli insegnamenti della pandemia (o sindemia). Costruire comunità, tessere una rete “salvafuturo” serve a dare forza a tutto il sistema nazionale, ma anche a contribuire sempre più e meglio alla sfida fondamentale, quella di una transizione verso la civiltà ecologica di una società decarbonizzata, grazie anche (o forse soprattutto) a un cambiamento radicale di mentalità e di cultura, frutto di una educazione finalmente "sostenibile". L'editoriale di ".eco" di giugno 2021. L'articolo Il clima dell’educazione ambientale proviene da .eco.

Mario Salomone

Mario Salomone, già professore aggregato di Sociologia dell’Ambiente e del territorio e di Educazione ambientale all’Università degli Studi di Bergamo, è Segretario generale della rete mondiale di educazione ambientale (WEEC) e direttore fino dalla sua fondazione (1989) del mensile italiano non profit di riferimento per l’educazione all’ambiente e alla sostenibilità ".eco, l’educazione sostenibile" (www.rivistaeco.it) e del semestrale scientifico internazionale "Culture della sostenibilità".

You May Also Like