Watec Italy 2016: dal 21 al 23 settembre a Venezia, una mostra dedicata all’acqua

Durante gli 8 convegni di Watec Italy 2016, i 40 relatori, si confronteranno sulle principali novità tecnologiche legate all’acqua, per risolvere la situazione attuale.

L’intera struttura idrica italiana si trova in una situazione di emergenza: le falle della rete sono uno dei maggiori problemi delle nostre città. Le cause vanno ricercate in decenni di mancati investimenti e nella gestione non sempre ottimale delle utilities. Secondo l’ISTAT, infatti, le dispersioni delle reti di distribuzione dell’acqua potabile ammontano a 3,1 miliardi di metri cubi: il 37,4% dei volumi immessi in rete non raggiunge gli utenti finali, a causa di criticità di vario ordine come la perdita nelle condotte, l’obsolescenza delle infrastrutture, i consumi non autorizzati ed errori di misura.

Anche di questo – le soluzioni al Water Loss – si parlerà durante WATEC ITALY 2016, l’evento internazionale organizzato dal 21 al 23 settembre a Venezia da Kenes Exhibitions, patrocinato dalla Commissione europea e dal New York City Environmental Protection Department e organizzato in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ICE – Istituto nazionale per il Commercio Estero, Porto di Venezia, Anbi Veneto, Sace, Italveco, IBNET, Danieli Plant Engeeniring, Boer Group, Consorzio Arica, Coldiretti Veneto, RWL Water.

Durante gli 8 convegni di Watec Italy 2016, i 40 relatori, si confronteranno sulle principali novità tecnologiche legate all’acqua, per risolvere la situazione attuale.

In particolare, nelle 8 conferenze, saranno approfondite tematiche come:

1.     Trattamento delle acque reflue industriali e sistemi di distribuzione

2.     Gestione delle acque reflue

3.     Gestione urbana e rurale dell’Acqua

4.     Gestione delle inondazioni

5.     Cambiamento climatico

6.     L’acqua e l’agricoltura sostenibile

7.     Acqua e Finanza

8.     Perdite Idriche

Per ulteriori info: http://www.watecitaly.com/conference-program/

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.