“Il valore dell’acqua”: immersione on-line nel lago di Como

Ripercorriamo l’evento “Il valore dell’acqua”: immersione on-line nel lago di Como grazie ad un’intervista esclusiva con il nostro amico e collaboratore Emilio Mancuso, presidente di Associazione Verdeacqua.

Ripercorriamo l’evento “Il valore dell’acqua”: immersione on-line nel lago di Como svoltasi per festeggiare la Giornata Mondiale dell’Acqua.

“Il valore dell’acqua”: immersione on-line nel lago di Como è un’iniziativa di Centrale dell’Acqua Milano, Proteuslab e Associazione Verdeacqua svoltasi con la collaborazione di Metropolitana Milanese per celebrare la Giornata Mondiale dell’acqua 2021.

Il progetto ha portato virtualmente le scuole italiane nei fondali del Lago di Como, una delle più importanti riserve superficiali d’Italia. Grazie ad una speciale diretta subacquea dedicata ai più giovani (ma non solo), è stato possibile vedere e ascoltare in diretta cosa succede sotto il pelo dell’acqua, collegandosi attraverso la piattaforma Zoom, con un “biologo subacqueo” che si è immerso nel lago in collegamento web.

“Il valore dell’acqua”: immersione on-line nel lago di Como si è inserito perfettamente nel nostro calendario di eventi per il World Water Day, aggiungendosi all’evento del 18 marzo:  Ambiente a tutto TOndo – Acqua” organizzato insieme a Casa dell’Ambiente.

Un evento importante, reso possibile anche grazie alla sinergia con diversi partner tecnici come Ocean Reef, Beuchat, DSE Diving Suit Experience e Compressori Coltri.

Momenti ricchi di significato che gettano le basi per il futuro, come ci ha confermato Emilio Mancuso con una sua impressione a caldo, una volta terminata la giornata:

Tra i collegamenti Zoom e quelli in streaming, sul canale YouTube di Verdeacqua, siamo arrivati a oltre 600 partecipanti. Speriamo di aver seminato oltre 600 semini in favore di un approccio più sostenibile e consapevole nei confronti di questa importantissima risorsa. È questo il pensiero che ricompensa gli sforzi miei e di tutto il team che si è prodigato per gestire al meglio la giornata. E se questi semini germoglieranno, il risultato sarà un prezioso aiuto per il futuro di tutti noi!

IL PIANETA AZZURRO: Quella da poco conclusasi è stata un’altra giornata mondiale dell’acqua piegata alla realtà del covid 19: come valuti il bilancio di quest’anno così complesso?

EMILIO MANCUSO: “E’ indubbiamente stato un anno molto complesso che tanto ha tolto e fatto soffrire, ma che ci ha anche insegnato qualcosa. Qualcosa sul piano tecnologico che in qualche modo è riuscito a farci restare in contatto, ma qualcosa di importante ce lo ha insegnato, forte e chiaro: siamo tutti interconnessi con gli ecosistemi del nostro pianeta, e dalla salute del nostro pianeta dipende la nostra salute. Ritorniamo quindi a parlare di ECO e non di EGO -che non ci ha portato gran bene fino ad oggi-“.

 

D: Per la Giornata Mondiale dell’Acqua ti immergerai nel Lago di Como; quello lacustre si tratta sicuramente di un ecosistema diverso e molto meno ‘mainstream’ rispetto ai fondali marini ma nasconde tante meraviglie…

R: “Vero, e proprio per questo merita uno sforzo in più perché venga compreso, valorizzato e gestito per il grande valore che ha. Il tema della giornata è proprio legato al valore dell’Acqua, e le acque interne sono un ottimo esempio di valore plurimo dell’acqua e del suo uso integrato. L’Acqua del Lago è microclima, è turismo, è navigazione, è pesca, è acquedotto e impianto di depurazione, è irrigazione locale e irrigazione in Pianura Padana; l’acqua del lago è quello che tiene in sede le sponde stesse evitando che vadano a franare giù. Questo e tanto altro ci insegna quanto sia fondametale approcciarsi all’acqua del Lago e agli ecosistemi lacustri con spirito attento, consapevole e proiettato verso una sempre maggiore sostenibilità“.

 

D: Per la riuscita di eventi come ‘il valore dell’acqua’ è fondamentale la sinergia tra diversi partner; quale ritieni sia stato il valore aggiunto delle collaborazioni di quest’anno?

R: “Il progetto LakeWatching, nato ormai diversi anni fa, è via via cresciuto per qualità importanza e per capacità di raggiungere un’audience sempre più grande grazie alla sinergia di un network che è cresciuto e continua a crescere. Le competenze e il metodo maturati in seno a Verdeacqua e Proteus, le tecnologie di Ocean Reef con solo il cuore del progetto, la garanzia di serietà e affidabilità dataci da Metropolitana Milanese e dalla sua Centrale dell’Acqua e la “media partnership” di Pianeta Azzurro hanno contribuito a dare una dimensione bella solida e strutturata al progetto.
Questo, ad esempio, ha recentemente attratto alcuni importanti partner tecnici come Beuchat, Coltri e DSE che hanno deciso di supportarci perché il progetto possa andare ancora più in giro per laghi e anche per mare. Questa è la spinta che ci proietta, tutti insieme, verso nuovi orizzonti che ci porteranno a parlare e far vivere il patrimonio naturalistico acquatico a un pubblico – sia  scolastico che della più generica “società civile” – sempre più grande“.

Scrive per noi

Andrea Ferrari Trecate
Andrea Ferrari Trecate
Laureato in diritto ambientale, si è presto convinto che le sfide ecologiche non si vincono nei tribunali. Collabora con l’Istituto Scholè dal 2014 e dal 2017 è inviato di Pianeta Azzurro per il quale gestisce anche contenuti online e la comunicazione social media. Crede nell’intelligenza delle persone e che la buona comunicazione serva a risvegliarne la consapevolezza per cambiare il mondo.

Andrea Ferrari Trecate

Laureato in diritto ambientale, si è presto convinto che le sfide ecologiche non si vincono nei tribunali. Collabora con l’Istituto Scholè dal 2014 e dal 2017 è inviato di Pianeta Azzurro per il quale gestisce anche contenuti online e la comunicazione social media. Crede nell’intelligenza delle persone e che la buona comunicazione serva a risvegliarne la consapevolezza per cambiare il mondo.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *