Scienza tra i banchi del mercato

Sabato 11 aprile si è svolta “Salva la tua balena” laboratorio di Paola Romoli Venturi per sensibilizzare i cittadini al consumo ragionato e a riflettere “attivamente” sull’uso sconsiderato della plastica e sull’inquinamento che questa produce nella catena alimentare.

Nell’ambito dell’iniziativa “Scienza tra i banchi del mercato” promossa dall’Osservatorio “Scienza per la Società” del Municipio II di Roma, il CNR e l’associazione Green Cross, sabato 11 aprile al mercato si è svolta “Salva la tua balena” laboratorio di Paola Romoli Venturi per sensibilizzare i cittadini al consumo ragionato e a riflettere “attivamente” sull’uso sconsiderato della plastica e sull’inquinamento che questa produce nella catena alimentare. L’Obiettivo è stato quello di accendere i riflettori sull’uso eccessivo di plastica da parte dell’uomo e in particolare sulle macro e microplastiche riversate nel Mediterraneo, con le loro conseguenze negative sull’ambiente marino e sulla salute della sua fauna. I cetacei, infatti, ingeriscono la plastica. Il loro stomaco se ne riempie. Il cibo non trova più spazio e muoiono denutriti. Nell’oceano c’è un gigantesco vortice di rifiuti plastici che si scompongono in polimeri e che entrano nella catena alimentare. Questo vortice e questi stomaci sono all’origine del progetto PTV_Pacific Trash Vortex e del laboratorio performativo Salva la tua balena. Anche i cittadini sono stati parte attiva nella realizzazione dell’iniziativa portando al mercato i propri rifiuti di plastica e realizzando un’ISOLA collettiva, che ha contribuito a “salvare la loro balena”, riconvertendo gli scarti plastici in splendide sculture d’artista.

fonte www.greencrossoitalia.org

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.