World Water Day

L’acqua, elemento sinonimo di vita e di sviluppo sostenibile.
Nel mondo circa 748 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile.
Inoltre 2,8 miliardi di persone vivono in aree a forte stress idrico, 2,5 miliardi di essere umani, di cui quasi un miliardo sono bambini, sono senza servizi igienici, anche di base. Se si calcola che nel 2050 l’agricoltura dovrà produrre il 60% di cibo in più, e il 100% nei paesi in via di sviluppo, a fronte di un consumo di acqua per le colture pari al 70% del totale al mondo, è chiaro che il consumo d’acqua è fondamentale.Sempre secondo l’Onu entro il 2035 il consumo mondiale di energia aumenterà del 35% per cento, il che farà incrementare l’impiego di acqua dell’85%. Inoltre sempre entro il 2050 oltre 2 miliardi di persone nel mondo non avranno la fornitura di acqua ed energia. La domanda di acqua supererà di ben il 44% l’offerta e ancora peggio andrà all’energia: per quella data, quando la popolazione mondiale dovrebbe raggiungere quota 9 miliardi, solo una persona su due potrà usufruirne. Questo quadro è aggravato dai cambiamenti climatici, che aggiungono incertezza per la straordinaria variabilità delle precipitazioni, per le inondazioni più frequenti, per i periodi di siccità più intensi. Anche i sistemi energetici stanno diventando vulnerabili all’impatto dei cambiamenti climatici. 
La Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dall’ONU nel 1992, nelle direttive dell’agenda 21 e risultato della conferenza di Rio, si festeggia ogni anno il 22 marzo.
Questa giornata determinò, nel 2005, l’inizio di una seconda decade internazionale delle Nazioni Unite dedicata all’azione per l’acqua, occasione quindi utilizzata come momento per sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla critica questione dell’acqua nella nostra era, con un occhio di riguardo all’accesso all’acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici. Ogni tre anni, a partire dal 1997, il World Water Council, organismo non governativo internazionale creato nel 1996 come piattaforma degli organismi internazionali e specialisti nel settore dell’acqua, convoca un World Water Forum per raccogliere i contributi e dibattere intorno agli attuali problemi locali, regionali e globali, problemi che non possono essere risolti senza un accordo quadro con obiettivi e strategie comuni. L’ultimo si è svolto nel 2012 a Marsiglia e vi hanno preso parte oltre 140 delegazioni ministeriali e più di 180 paesi rappresentati, tra cui l’Italia.

Il prossimo incontro è in programma nel 2015 (12-17 Aprile) a   Daegu-Gyeongbuk in Corea del Sud.

http://eng.worldwaterforum7.org/main/

http://www.earthday.it/Acqua

 

Profilo autore: Stefano Moretto, Diver e skipper, lavora e vive in Francia, si occupa di sviluppo ed innovazione di prodotti in campo subacqueo. Coordinatore redazionale e responsabile del progetto “il Pianeta azzurro” e de “La Collana del Faro”. Esperto in Biologia marina, giornalista, si occupa di divulgazione scientifica e coordina progetti di educazione ambientale idrobiologica. Collabora alla realizzazione di progetti sportivi con integrazione sociale di diversamente abili. E’ stato coordinatore territoriale del Piemonte dell’associazione ambientalista Marevivo Divisione Subacquea. Fondatore ed organizzatore di associazioni sportivo-culturali, quali Associazione Bioma, Marine-life, Mondomarino, Aquax, Tritone e Agusta (www.agustaresort.com)

 

 

moretto

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *