Sport e natura: educazione ambientale e non solo

Partendo dal successo ottenuto l’anno scorso, anche quest’anno è stato riproposto il progetto “Sport e Natura”, nato dalla collaborazione tra Decathlon Santo Stefano di Magra, l’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholè Futuro Onlus, con il contributo della Provincia della Spezia e la collaborazione del Parco Naturale Regionale di Porto Venere e del Parco di Montemarcello Magra.

 

Il progetto, rivolto alle scuole della Provincia di La Spezia, è nato dalla volontà di educare i più giovani al rispetto per l’ambiente e per la diversità, uno degli obiettivi è infatti, l’integrazione tra ragazzi con disabilità fisiche, mentali o sociali e ragazzi normodotati, attraverso lo sport e il contatto con la natura.
L’iniziativa ha previsto 18 uscite sportive, suddivise tra 6 sport: rafting, vela, snorkeling, escursionismo, equitazione e ciclismo, che si sono svolte fino al mese di maggio, in collaborazione con le associazioni sportive del territorio di La Spezia e all’interno dei Parchi Naturali del territorio.
Anche quest’anno l’iniziativa è stata accolta positivamente dagli istituti scolastici del territorio e ha visto la partecipazione di numerose scuole tra La Spezia, Lerici, Santo Stefano di Magra ecc.
A ogni uscita è sempre stato presente il personale di Decathlon Santo Stefano di Magra e istruttori qualificati delle associazioni coinvolte, che hanno permesso ai ragazzi di vivere lo sport in sicurezza, insegnando loro le nozioni base della pratica sportiva specifica dell’uscita. Durante le uscite di ciclismo, ad esempio, molti bambini hanno imparato ad andare in bicicletta, abbandonando per sempre le 4 ruote, grazie all’aiuto e alla sicurezza dell’istruttore, che li ha seguiti con la passione di chi ama il proprio sport!
Durante le uscite di escursionismo, invece, le guide del CAI di La Spezia hanno insegnato ai ragazzi le regole fondamentali per praticare un’escursione sicura e hanno permesso loro di visitare luoghi in cui probabilmente non erano mai stati, spiegando le caratteristiche del territorio e l’importanza del rispetto per l’ambiente.
Grazie all’uscita di equitazione in molti hanno provato per la prima volta l’emozione di cavalcare, sempre sotto lo sguardo attento ed esperto degli istruttori. Inoltre, grazie allo sport e all’aiuto dei compagni tutti i ragazzi con disabilità che hanno partecipato alle uscite hanno potuto vivere la giornata sportiva sentendosi completamente integrati con il gruppo, andando a cavallo o imparando per la prima volta ad andare in bicicletta!

 

 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *