Scoperto un nuovo squalo…luminoso!

Camilo Mora e Boris Worm, gli autori di uno studio effettuato dalla Dalhousie University di Halifax (Canada), hanno affermato non molti anni fa che l’86% delle specie terrestri e ben il 91% di quelle marine sono del tutto sconosciute. Delle 8,7 milioni di specie stimate, 6,5 milioni sono organismi che vivono sulla terra, e 2,2 milioni nei mari (con un margine d’errore di ± 180 mila).
Un piccolo passo è stato fatto recentemente, con la scoperta di una nuova specie di squalo tasca.

Il primo esemplare (Mollisquama parini) mai scoperto è stato recuperato al largo delle coste del Cile nel 1979 ed è stato descritto solo nel 1984. Nel 2010 un altro esemplare di squalo tasca, chiamato poi però Mollisquama mississippiensis per alcune differenze morfometriche, è stato invece ritrovato nel Golfo del Messico nel 2010 e identificato come una nuova specie.

Ciò è quanto spiegato da Mark Grace, biologo del Noaa (Oceanic and Atmospheric Administration), precisando che si tratta di “specie separate, ciascuna proveniente da oceani diversi, ed entrambe estremamente rare” e dimostrandolo nello studio recentemente pubblicato.

La peculiarità di questa specie è la capacità di possedere ghiandole che producono un fluido bioluminescente ed è dotato di fotofori che gli permettono di produrre luce. Tale caratteristica non è nuova nel mondo degli Elasmobranchi, all’interno dei quali già circa 500 specie sono state dimostrate esser capaci di emettere bioluminescenza.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *