Nautica per l’ambiente

Sull’onda del successo del Progetto Subacquea per l’Ambiente, avviato nella primavera del 2000, è partito il Progetto Nautica per l’Ambiente. L’obiettivo dell’operazione è sensibilizzare alla tutela e al rispetto dell’ambiente marino attraverso un corretto approccio con le attività nautiche. Il linguaggio comunicativo utilizzato è in grado di raggiungere diversi tipi di destinatario: dal largo pubblico, al mondo della scuola, fino alla fascia settoriale dei diportisti.

Il progetto, promosso da Acquario di Genova e UCINA, si avvale di importanti partnership quali il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, le Regioni Liguria e Sardegna, la Fiera di Genova e il Comitato Genova 2004, e prevede due distinte fasi.

La prima, che si è conclusa il 31/10/03, a previsto la realizzazione di 30.000 opuscoli informativi contenenti un “Decalogo di buona condotta per diportisti”, ovvero dieci semplici norme pratiche per vivere a bordo un armonioso rapporto con il mare.
Inoltre, è stato prodotto un video destinato alle scuole medie superiori e agli adulti che, con la forma narrativa della fiction, presenta gli ecosistemi marini e veicola tematiche incentrate sul rispetto dell’ambiente. Lo script è semplice: un gruppo di ragazzi partecipa ad un’esperienza in barca a vela all’interno del Santuario dei Cetacei e impara attraverso incontri ravvicinati con stenelle, capodogli e balenottere a conoscere e rispettare il mare. Il video è stato inserito in kit didattici e distribuito nelle scuole nel corso dell’anno scolastico 2004/2005.

La seconda fase si è sviluppata nell’ambito di Genova 2004 – Capitale della Cultura. “Mare a 360° – Un mese di Subacquea, Nautica, Turismo e Ambiente” prevede una concatenazione di eventi incentrati su tematiche ambientali che vedranno protagonisti i partner del progetto.

Un lungo percorso, che per la prima volta riunisce le più importanti realtà del settore e pone obiettivi concreti per la trasmissione al largo pubblico e alle nuove generazioni di concetti fondamentali per la tutela del patrimonio ambientale.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *