“A” come acqua

Per celebrare la fonte di vita e di benessere del nostro pianeta e a ricordare i fattori che la minacciano, dai cambiamenti climatici agli errati modelli di consumo, sono state organizzate centinaia di iniziative che animeranno le piazze, le scuole, i teatri e le biblioteche di tutta Italia. Una settimana di riflessione e di formazione per promuovere una “cultura dell’acqua”, patrimonio comune e inalienabile delle generazioni presenti e future.

Appare ottimale la scelta di questo tema nel DESS – Decennio di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 20052014, la campagna mondiale proclamata dall’ONU e coordinata dall’UNESCO che ha affrontato nei diversi anni i vari aspetti dello sviluppo sostenibile: l’Energia (2006), i Cambiamenti Climatici (2007), i Rifiuti (2008), la Città e la Cittadinanza (2009), la Mobilità (2010), affermandosi come un appuntamento consolidato all’insegna di una società in cui va sempre più affermandosi l’impegno civile, (ogni anno .eco, media partner dell’iniziativa, dedica ampio spazio al tema e alle manifestazioni organizzate dal DESS).
L’educazione, secondo i principi del DESS, va intesa come istruzione, formazione, informazione e sensibilizzazione. Come si legge sul sito di riferimento la cultura non deve limitarsi all’educazione scolastica, ma deve comprendere anche campagne informative, formazione professionale e attività del tempo libero. Deve inoltre essere in grado di coinvolgere i media e il mondo artistico in quanto strumenti per cogliere gli input che contribuiscono a formare i valori della società.
A scegliere il tema dell’anno è il “Comitato Nazionale per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile”, che ha individuato il tema dell’acqua per i suoi aspetti ecologici, scientifici, ma anche artistici e culturali, per il suo nesso con il sapere, la conoscenza e la diversità culturale, per il suo ruolo nella lotta alla povertà e nel perseguimento degli Obiettivi del Millennio. Grazie a questa iniziativa gli enti, le scuole e le organizzazioni interessate potranno promuovere e organizzare iniziative legate ai temi della sostenibilità.
Il coordinamento della manifestazione è a cura della Commissione Nazionale Italiana UNESCO, in collaborazione con le Regioni e le Province autonome.

 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *