La diminuzione di pesce ed altri organismi marini e le problematiche legate alla salute

Christopher D. Golden, ricercatore della Harvard T. H. Chan School of Public Health di Cambridge, nel Massachusetts, attraverso le pagine di Nature ha lanciato l’allarme. La perdita di biodiversità nei mari, con conseguente diminuzione del pescato, rende vulnerabili 1,4 miliardi di persone (il 19% della popolazione mondiale) e mette direttamente a rischio 845 milioni di persone (l’11% della popolazione mondiale) per mancanza nella dieta di una quantità sufficiente di zinco e/o ferro e/o vitamina A.
Tutte queste persone oggi assumono almeno il 20% di quei tre micronutrienti essenziali alla vita da animali marini. Ma non lo potranno fare in futuro: perché il pesce e i frutti di mare stanno diminuendo negli oceani di tutto il mondo a causa del combinato disposto dei cambiamenti del clima e di una pesca non regolata. Cambiamenti climatici e pesca non sostenibile dunque potrebbero avere un impatto diretto sulla salute umana. Tra le possibili proposte per mitigare tale impatto, l’acquacoltura…che apre però nuove problematiche di sostenibilità e non può essere di certo l’unica risposta al problema.

fonte: http://www.rivistamicron.it/temi/manca-il-pesce-problemi-per-la-salute/

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *