La Corte dell’Aja ferma il Giappone: illegale la caccia alle balene

Il 31 marzo 2014 la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja (ICJ) ha decretato che il Giappone dovrà interrompere la caccia alle balene in Antartico perché condotta a scopi non scientifici ma commerciali, quindi illegale. Il Giappone, almeno secondo una nota del Ministero degli Esteri, si atterrà a questa decisione.
La sentenza, vincolante e inappellabile, arriva a conclusione di una causa intentata contro il Giappone, accusato di mascherare da attività di ricerca scientifica, un’attività prettamente commerciale. Nonostante le sanzioni stabilite a livello internazionale per questa attività, infatti, fino a oggi il Giappone  insieme anche a  Norvegia e Islanda ha continuato a cacciare le balene sostenendo che a imporlo era la ricerca scientifica.
“Il Giappone deve revocare ogni licenza, permesso od autorizzazione già concessa nel quadro dei programmi di ricerca e astenersi dal concedere ogni nuova autorizzazione” 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *