Blue Prize, quando arte e ambiente si sposano

Durante l’evento dell’Earth Prize, che si è tenuto il 12 e 13 ottobre a Luino, è stato consegnato anche il Blue Prize, (del quale vi avevamo già parlato qui) un premio tematico dedicato a personaggi, organizzazioni e progetti che hanno come obiettivo la protezione e la valorizzazione delle risorse idriche e degli ambienti acquatici.

Blue Prize è organizzato da “il Pianeta azzurro“, progetto di comunicazione ed educazione ambientale dell’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholè Futuro-WEECNETWORK e  da WATERWEEC, World Environmental Education Congress – Water Thematic Network .

IL PREMIO
Angelo Bramanti è un artista “multimediale” che da circa 3 anni porta avanti un progetto di ricerca personale, intitolato MARTE.
MARTE è una ricerca visiva realizzata con detriti marini recuperati nelle coste del siracusano.

Il materiale raccolto come plastica, vetro, legno, pietra e metalli, già trasformati dal mare, viene selezionato, ripulito e riutilizzato per realizzare opere d’arte. Generalmente si tratta di assemblaggi su supporti telati ma anche sculture, installazioni e altro ancora secondo la sensibilità del momento.

Per questo motivo i vincitori del premio Blue Prize 2019 rhanno ricevuto, insieme alla targa, alcune opere di questo artista.

«Il mio è un lavoro di ricerca, tutti i materiali utilizzati per realizzare le opere d’arte del progetto MARTE vengono reperiti personalmente da me lungo le coste marine. Il risultato degli assemblaggi è abbastanza astratto e più che raccontare il mare rappresenta i danni che l’uomo sta facendo a questo ambiente».

Più che un monito però queste opere vogliono rappresentare la necessità di una Ricerca che inverta questa tendenza. La speranza è che dopo tanti danni l’uomo possa compiere azioni che portino alla salvaguardia di questa enorme risorsa che è il mare.

Il Blue Prize ora è una realtà di Earth Prize e Pianeta Azzurro; una realtà destinata a creare nuove sinergie anche nelle sue prossime edizioni. Pianeta Azzurro sta già lavorando perchè il premio del 2020 sia un’ulteriore conferma del successo del matrimonio tra arte e tematiche ambientali.

IL VINCITORE

Ad aggiudicarsi il premio è stato il CNR Istituto di Ricerca sulle Acque di Pallanza che si è portato a casa questa “prima edizione” grazie ai numerosi progetti meritori nel settore dell’educazione ambientale legata all’ acqua.

La consegna del Blue Prize al CNR Istituto di Ricerca sulle Acque di Verbania

Qui potete vedere le splendide opere di Angelo Bramanti

E qui avere una panoramica completa delle giornate di Luino

 

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *