Aspettando Copenhagen…al Cairo

Il 2009 è l’anno cruciale per affrontare i cambiamenti climatici, dopo la Conferenza dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione per il Mediterraneo in Croazia il 26-27 novembre 2009, culminerà nella Conferenza delle Nazioni Unite di Copenhagen (COP 15) dal 7 al 18 Dicembre.
In questo quadro si sono svolti al Cairo fra il 31 Ottobre e il 4 novembre 2009 due incontri della società civile. Un seminario ha riguardato la Piattaforma Euro mediterranea sulla situazione socio-economica nella regione e l’impatto della crisi economica mondiale, l’altro la strategia a lungo termine per l’acqua nel Mediterraneo.

Obiettivi degli incontri sono stati:

  • informare i partecipanti sui processi in atto nella regione, anche in relazione al nuovo quadro di cooperazione regionale rappresentata dall’Unione per il Mediterraneo;
  • identificare i meccanismi e i punti cardine per un efficace coinvolgimento della società civile in questi processi;
  • articolare gli stimoli da sviluppare nei lavori della conferenza congiunta egiziano-olandese sull’acqua, sempre nella prospettiva delle conferenze della Croazia e di Copenhagen.

Il “Dialogo della Società Civile” è stato organizzato dal MIO-ECSDE, dal GWP-Med e dal RAED (reti di ONG per lo Sviluppo Sostenibile del Mediterraneo e partenariato per l’acqua) e ha discusso sui ruoli e sulle sinergie per stimolare e potenziare i processi per lo sviluppo sostenibile nella regione del Mediterraneo. Si è, inoltre, esaminata una madalità d’intervento per contribuire alla realizzazione della Convenzione di Barcellona, in particolare del Partenariato Strategico per i Grandi Ecosistemi  Marini (GEF SPM).

In questo ambito si sono tenuti anche: il VII incontro del circolo dei Parlamentari per lo Sviluppo Sostenibile (COMPSUD), il Circolo dei Giornalisti del Mediterraneo per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile (COMJESD) e la XIV Assemblea Generale annuale del MIO-ECSDE – Ufficio di Informazioni sul Mediterraneo per l’Ambiente, la Cultura e lo Sviluppo Sostenibile.

Il “Dialogo della Società Civile” è stato organizzato in concomitanza con la conferenza congiunta Egiziano – Olandese “Verso la nuova strategia a lungo termine per l’acqua nel Mediterraneo”. La conferenza ha dato un contributo allo sviluppo della Strategia per l’Acqua nel Mediterraneo articolando i quattro temi della Srategia: la governance per l’acqua, l’acqua e i cambiamenti climatici, il finanziamento per l’acqua e la gestione della richiesta di acqua. La conferenza, aperta ai diversi soggetti, partecipa in modo non formale al processo di preparazione della strategia guidato dal gruppo di esperti sull’acqua all’interno dell’Unione per il Mediterraneo (UfM).

Sempre in preparazione della Conferenza di Copenhagen, il 23 e 24 Ottobre 2009 si è tenuto, ad Atene, il Simposio Mediterraneo sulle prospettive per l’Acqua, i rifiuti solidi e la gestione dell’energia, organizzato con la collaborazione del MIO-ECSDE, del GWP-Med, dell’Università di Atene e dell’UNESCO, a cui ha partecipato l’Istituto  per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro Onlus.

Il Simposio Mediterraneo ha messo a fuoco aspetti istituzionali e tecnologici che collegano i processi politici menzionati in tre sessioni, ognuna delle quali dedicata ad un’area tematica specifica relativa all’adattamento ai cambiamenti climatici nella regione Mediterranea.
La prima sessione è stata dedicata alle Risorse di Acqua non Convenzionali (acque reflue trattate, riuso, desalinizzazione dell’acqua marina, acqua virtuale, etc.).

La seconda sessione sulla gestione dei Rifiuti Solidi Urbani con particolare riguardo al riuso, riciclo, compostaggio.

La terza sessione sull’educazione alle Opzioni di Energia Sostenibile e Stili di Vita.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *