15 anni di PAZ


Pianeta Azzurro nel 2019 compirà 
15 anni. In questi anni  è stato protagonista e promotore di tante iniziative, attività e progetti, ha partecipato alla nascita della Collana del Faro Chi lo ha visto crescere e chi ha collaborato alla crescita di questo progetto lo ha voluto raccontare in un numero speciale di PAZ dedicato a questo anniversario

Il nuovo anno porterà al progetto de Il Pianeta Azzurro una ventata di novità. Grazie infatti al lavoro e alla passione di una redazione in espansione formata da Stefano Moretto, Mario Salomone, Angelo Mojetta, Leonardo D’imporzano, Emilio Mancuso, Annarita Di Pascoli e Paola Iotti, la testata verrà arricchita da grandi cambiamenti.

Dopo 15 anni Pianeta Azzurro si avvia a prendere un nuovo corso. Il tempo è maturo per un salto che non è di qualità, ma di spessore grazie all’aumento del numero di pagine. Dopo tanti anni di collaborazione ho accettato con piacere l’invito a dedicare maggiore impegno a Pianeta Azzurro e a diventare una parte integrante della redazione. Ho accettato non solo perché credo nel nuovo progetto, ma perché sono sicuro di poter contare sulla preziosa ed esperta collaborazione di tutti quelli che hanno seguito e collaborato con l’inserto in tutti questi anni.Il mio ruolo sarà soprattutto quello di raccogliere e sollecitare idee, proposte e contributi da tutti quelli che saranno disposti a farlo e quindi, in fondo, sarò io a collaborare con voi dando spazio alle vostre voci.Tutte le pagine di ciascuno dei numeri del periodico saranno a vostra disposizione per far conoscere le meraviglie e anche i problemi del pianeta acqua e pertanto aspetto quanto prima i vostri contributi per fare insieme questa nostra rivista. Grazie. 

Angelo Mojetta


Parlando di cambiamenti, dal 2019 infatti Il Pianeta Azzurro diventerà BIMESTRALE!
Ci saranno quattro numeri de Il Pianeta Azzurro più due uscite speciali, dossier tematici di approfondimento de La Collana del Faro. Chi si abbona riceverà in regalo uno speciale dedicato ai 15 anni della rivista!

Cosa dire in più?

Era il 2003 quando Kofi Annan, Segretario Generale ONU – Rapporto del Millennio – disse: “Nessuna singola misura riuscirà a far di più per diminuire le malattie e salvare vite nel mondo in via di sviluppo che il rendere accessibile a tutti acqua sicura ed impianti igienici adeguati”.
In quello stesso anno (definito Anno Internazionale dell’Acqua) nasce “Il Pianeta Azzurro“, come progetto di comunicazione ed educazione ambientale. Si occupa di divulgare i temi dell’idrobiologia, comunica e mette in rete le iniziative che focalizzano l’attenzione sulla risorsa acqua, sul dibattito e sulla proposta di progetti per una sostenibilità in campo idrico. Si rivolge a parchi, riserve, gruppi sportivi, associazioni ambientaliste, insegnanti e studenti. Il principale “strumento” con il quale Il Pianeta azzurro “fa comunicazione” è il dossier che pubblica periodicamente ogni anno insieme alla rivista “.eco, l’educazione sostenibile”, primo mensile italiano di educazione ambientale.